L’atipico triangolo artistico made in Italy

0 commenti
Rate this post
Dici tre e pensi perfezione. E se applichi questo numero all’Italia la corrispondenza è più che mai veritiera. Tre, infatti, sono le città d’arte che tutto il mondo invidia al Bel Paese, gioielli architettonici dal fascino indiscusso, vere e proprie perle storiche, capaci di far rivivere un passato lontano. Dal nord al centro-sud, con una tappa nel cuore dello Stivale: si parte dalla Serenissima, ovvero Venezia, con le sue gondole, i canali e i vicoli del centro intricati; si continua la patria del Rinascimento, Firenze, terra natia della lingua italiana; e si conclude con la città eterna, Roma, culla di quella dolce vita di felliniana memoria.Venezia, Firenze, Roma: sono il triangolo atipico della italianità, cuore della nostra cultura, essenza del nostro essere. Viste e riviste da molti abitanti della terra dei cachi, non smettono mai di incantare per le moltissime attrazioni che offrono.L’ex repubblica marinara veneta ha una struttura unica al mondo: formata da 117 isole, attraversata da 400 ponti e bagnata da oltre 160 canali, regala al viaggiatore un viaggio magico atemporale. Le imbarcazioni, i riflessi sull’ acqua, i palazzi dall’impronta gotico-veneziana e l’assenza di automobili rendono l’esperienza quasi mistica.

Il capoluogo toscano, invece, è ideale per tutti coloro che amano il Rinascimento: cattedrali, palazzi e musei trasformeranno le vostre giornate in una full immersion di arte e cultura.

E infine si arriva nella capitale, una delle città più famose del pianeta proprio per via della sua storia millenaria. Dal colosseo all’arco di Costantino, dal foro romano alla scalinata di Trinità dei Monti, senza dimenticare il Panthéon, la città-stato indipendente del Vaticano (cuore della religione cristiana) e la fontana di Trevi. Basterà respirarne l’atmosfera per realizzare di essere davvero con un piede in paradiso. Senza rinunciare però ai piaceri terreni, come dimostrano i molti negozi griffati che costellano il centro, mecca per fashion victim.

Scrivi il tuo commento
Tags: ...