Il carnevale di Venezia non va visto, va vissuto

0 commenti
Rate this post

Prima degli altri. Più degli altri. Venezia è in assoluto la città italiana simbolo del Carnevale. La festa qui inizia già il 26-27 gennaio e durerà sino al 12 febbraio: più di 15 giorni all’insegna di maschere, divertimento e della cultura. Il clou, ovviamente, sarà il 2 febbraio, martedì grasso.

E in questo 2013 di rinascita e di inizi il tema principale di questo grande evento in grado di attirare turisti da ogni parte del globo non poteva che essere uno: i colori. Venezia dei colori ha sempre fatto il suo punto di forza: i riflessi sulla laguna e sui canali, i vicoli, le maschere. Non è un caso che grandi artisti del passato (da Canaletto a Tiziano, passando per Bellini, Giorgione, Turner e Bellotto) abbiano fatto di questa città la propria musa ispiratrice. Se non avete mai visto e assaporato il Carnevale di Venezia non potete dire di aver conosciuto la città. La vertigine cromatica che avvolge Piazza San Marco e i piccoli vicoli intricati in questa occasione è unica. Indimenticabile. A Carnevale, Venezia diventa scenografica, molto di più di quello che già normalmente è ogni giorno dell’anno.

Il calendario degli eventi che si svolgono a Carnevale è ricco come non mai: i concerti in piazza San Marco, gli appuntamenti al Gran Teatro, gli eventi per i più piccini, il Corteo e la Festa delle Marie e la tradizionale Festa Veneziana sull’acqua, ovvero la parata folcloristica che ha luogo nel Sestiere di Cannaregio, con una serie di barche guidate da persone in maschera. E ancora il Volo dell’Angelo: si tratta di un evento che apre il Carnevale, ovvero il volo di un artista, saldamente assicurato a un cavo metallico, dal Campanile di San Marco al Palazzo Ducale, liberando coriandoli e confetti. Conclude tutto la vogata del Silenzio, il corteo silenzioso di gondole che chiude il Carnevale.

Raggiungete Venezia comodamente in treno e, al di là degli eventi particolari, prendetevi del tempo per camminare in mezzo alla folla, per ammirare le maschere antiche (quelle ispirate all’antica nobiltà locale), per bere un aperitivo in compagnia: il Carnevale veneziano non va solo visto, va vissuto.

Scrivi il tuo commento
Tags: ...