Siete vegani? Ecco le migliori città per voi!

0 commenti
Rate this post

Sta diventando sempre più frequente incontrare persone che hanno aderito al movimento vegano: questo implica che il turismo deve adattarsi alle richieste e al nuovo stile di vita odierno dei turisti. Abbiamo deciso di calarci nei panni dei nostri lettori vegani per informarli sulle migliori mete a disposizione per le vacanze e la gastronomia. Sappiamo che non è facile trovare un’offerta gastronomica adatta al 100% alle necessità di tutti i turisti, il che provoca grossi mal di testa in più di un’occasione. Si sa ancora poco, a livello generale, di cosa significhi essere vegani o vegetariani. Questo provoca una sensibile riduzione delle opzioni alimentari a disposizione. 

Se vi siete stufati di ridurre i vostri pasti a insalate e patate durante i viaggi, o se non sopportate più il tonno finito “per sbaglio” nel vostro sandwich vegetale, allora è il momento giusto per dare una lettura al nostro articolo di oggi.

LONDRA:

Ciò che si trova a Londra non si trova da nessun’altra parte: i suoi abitanti stanno cambiando rapidamente la propria mentalità, con sempre un maggior numero di persone che aderiscono al movimento vegano. In più, grazie a varie iniziative popolari, il fenomeno è in forte crescita. Ad esempio, esiste un movimento chiamato “Meatless Monday” che cerca di diffondere il “lunedì senza carne” per combattere i maltrattamenti sugli animali e l’allevamento intensivo. Questo movimento, seguito da ben 40 paesi, ha un sito web che fornisce notizie e ricette quotidiane per gli utenti. Un’altra iniziativa importante si tiene ogni gennaio, chiamato “Veganuary”, in cui si incoraggia la popolazione a non consumare prodotti di origine animale per un mese. In questa città potrete trovare più di 200 stabilimenti specializzati in cibi e prodotti vegani: formaggi, pasticcerie, frullati, pizzerie, piatti a base di pollo o sushi vegan. Sicuramente un paradiso per i palati dei turisti più esigenti.

Una caffetteria vegana nella città di Londra.

NEW YORK:

Londra e New York vanno sempre a braccetto quando si parla di tendenze. Nella città dei grattacieli, infatti, ben più di 100 ristoranti si sono specializzati in questo tipo di gastronomia per deliziare i foodie più radicali. È possibile trovare ristoranti d’alta cucina in cui i prodotti sono 100% liberi da derivati animali. Infine, una visita al supermercato regala ancora grandi emozioni, dato che diventa sempre più comune trovare una sezione vegana in quasi tutte le catene di vendita.

Rooftop a New York.

BERLINO:

L’offerta gastronomica berlinese include più di 400 ristoranti vegani e vegetariani, concentrati in larga parte nel quartiere di Neukölln. La città possiede un sito web e un’app, chiamati “Berlin-vegan”, in cui vengono elencate tutte le attività che seguono il movimento: da ristoranti e negozi di alimentari fino agli alloggi “responsabili”.

Berlino di notte.

BANGKOK:

La Thailandia è conosciuta a livello mondiale per i suoi piatti a base di prodotti vegetali (in larga parte riso, verdure e tuberi). C’è un numero incredibile di ristoranti vegetariani con opzioni vegane e perfino i take-away nelle vie includono queste opzioni nei loro menu, pur cucinando talvolta con salsa di ostriche o uova. Lasciatevi sedurre dalla vasta gamma di combinazioni diverse che solo questa città può offrire, e non dimenticatevi i dessert!

Tipico cibo tailandese, mango e riso.

MADRID:

La capitale spagnola non può certamente competere coi numeri delle altre grandi potenze. Tuttavia, ristoranti specializzati in piatti vegani e vegetariani si stanno pian piano aprendo un po’ ovunque nella città. Più di 40 presentano un menu basato su prodotti di origine non animale. Se non in tutti i ristoranti si trova il menu interamente vegano, va però precisato che la grande maggioranza dei locali mette a disposizione opzioni vegane/vegetariane. Il numero di persone che seguono questo stile di vita in Spagna sta crescendo, e la capitale si è adattata rapidamente.

Vista della Gran Vía di notte.

Scrivi il tuo commento

0 Commentaires

Qu'en pensez-vous?