Una vacanza… tra cultura e natura

0 commenti
Rate this post

Studiosi, appassionati di arte, letteratura, architettura, ma anche amanti della natura: i parchi letterari sono per voi. Per tutti coloro per i quali la vacanza non è solo sinonimo di mare e relax, ecco l’offerta che fa al caso vostro. Immersi in scenari da sogno, dove elementi umani si combinano con quelli naturali, da nord a sud d’Italia si trovano i Parchi Letterari, luoghi magici che hanno ispirato la creatività di grandi scrittori del passato.

 

Quest’anno, invece di optare per la solita vacanza o il solito weekend alla scoperta di una grande capitale europea, provate a concedere a questi interessanti luoghi una possibilità. I parchi mostrano quel perfetto equilibrio tra paesaggio e patrimonio culturale, ponendosi come la scelta ideale per tutti coloro che sono alla ricerca di una vacanza all’insegna della cultura.

 

Dalla Lombardia alla Basilicata, dal Piemonte alla Sicilia: moltissime regioni d’Italia vantano al loro interno uno di questi parchi, dove ripercorrere le tappe della vita di alcuni geni creativi del Bel Paese e dove assistere a una serie di meravigliosi eventi.

Gli appassionati di Pasolini non possono non visitare il parco di Ostia (nella foto), vicino a Roma, dove si trova anche la statua che ricorda il poeta, sceneggiatore e paroliere che ancora oggi rimane uno dei pensatori più eccezionali del 20esimo secolo. Per Verga e Quasimodo, invece, la regione è la Sicilia: in provincia di Catania, a Vizzini, si trova il parco dello scrittore dei Malavoglia, mentre bisogna spostarsi a Modica, nella provincia di Ragusa, per ricordare il grande poeta dell’ermetismo italiano.

 

E mentre alcuni ameranno riposarsi nell’ombra del Castagneto Carducci a Livorno, ricordando il primo premio Nobel mai assegnato a uno scrittore italiano (1906), altri sceglieranno i colori dell’Aquila: è nella Anversa degli Abruzzi che è possibile riscoprire le parole di Gabriele D’Annunzio. E ancora Grazia Deledda (a Galtellì, in provincia di Nuoro), il saggista Franco Antonicelli (a Sordevolo, Biella) e i trovatori provenzali, protagonisti dell’Oltrepò Pavese di Varzi: sono solo alcuni degli scrittori che hanno reso la letteratura italiana così bella e interessante. E che hanno saputo raccontare il nostro Paese, le sue ferite, i suoi dolori, ma anche e soprattutto il suo indubbio fascino.

Scrivi il tuo commento
Tags: ...