Route 66. Una strada perfetta per scoprire a fondo gli Stati Uniti.

Un viaggio per vivere l'autentica cultura americana

0 commenti
5/5 - (1 vote)

Sicuramente molti di voi hanno pensato a una fuga a mo’ di THELMA & LOUISE e no, non ci riferiamo alle ruberie rocambolesche del film, ma al viaggio più memorabile della vostra vita. In questo post vi daremo le mete chiave perché possiate vivere la vostra avventura sulla Route 66.

Se la Route 66 originale non esiste più, ormai sostituita da nuove autostrade per evitare incidenti, potete ancora ricordare il passato per tutta la durata del viaggio seguendo i segnali con la frase “Historic Route 66” (Route 66 storica, NdT) che vi indicheranno i punti chiave attraversati dall’itinerario originale. Piccola nota storica: negli anni 30 questa strada era percorsa dagli immigrati in cerca di una vita e di uno stipendio migliori nella zona ovest degli USA.

L’itinerario classico comincia a Chicago e termina a Santa Monica (Los Angeles). Oggi vi raccomanderemo alcune fermate obbligatorie perché possiate godervi al massimo il viaggio.

ILLINOIS:

CHICAGO, Imprescindibile una colazione al Lou Mitchell per cominciare la giornata con l’energia delle sue donut. La città di PONTIAC è ideale per mangiare e visitare il Route 66 Hall of Fame and Historic Museum, nonché i graffiti dedicati alla Route 66. Vi raccomandiamo di fare tappa a SPRINGFIELD per il pernottamento (non entrate in “modalità Simpson”, si tratta di una delle sette città con lo stesso nome negli Stati Uniti) e per visitare la casa di Abraham Lincoln.

Springfield

Springfield

MISSOURI:

ST LOUIS. All’incrocio del Mississippi e del Missouri, la città vi accoglierà con uno dei suoi punti di interesse più importanti, il Gateway Arch, un arco a 192 metri al di sopra del Mississippi. Salite nella cabina in cima per uno dei migliori panorami della città. Non dimenticate di provare la sua famosa gastronomia, magari mentre ascoltate un concerto blues al BB’s Jazz. Fermate consigliate: CUBA, città ricca di graffiti, e LEBANON per una visita al famoso Motel Munger Moss.

St Louis

St Louis

 OKLAHOMA:

Dopo essere passati brevemente nel Kansas a visitare il 4 womans on the road 66, che ha ispirato il film di Cars, arriverete a BLUE WHALE, meta iconica della Route. Altre mete consigliate sono Arcadia, Tulsa, Stroud o Chandler, dove troverete il Route 66 interpretive center.

 TEXAS:

Una volta arrivati al Mid Point café sarete a circa metà della Route. Avanzate sino a Cadillac Ranch, altra destinazione iconica. Se avete fame potrete lanciarvi sul Big Texan Steak House senza pagare nulla a patto di mangiare tutto ciò che avrete nel piatto – tipica scena da film americano!

 NEW MEXICO:

Tucumcari è uno di quei posti da visitare la notte, dato che quasi tutti i suoi edifici sono decorati con luci al neon. Vale la pena di passare a Santa Fe, capitale del New Mexico fondata dagli spagnoli che conserva lo stile architettonico originale. Ad Albuquerque potremo osservare l’influenza degli indiani in negozi come il Maisel’s Indian Trading Post e l’Enchanted Trails NV Park and Trading Post.

Santa Fe

Santa Fe

ARIZONA:

Ai piedi della montagna, il negozio Giant tee Pee è il primo che vi accoglierà una volta entrati nello stato dell’Arizona. Mentre continuate il nostro viaggio troverete vari agglomerati che potrete visitare: Flagstaff, Oatman, Kingman, Seligman o Holbrook (dove potrete dormire in un tipi indiano). Non fatevi scappare una visita al Petrified Forest National Park o la città fantasma di Chloride. Vale la pena deviare un po’ dalla Route 66, specialmente per una tappa obbligata come il Gran Canyon del Colorado.

CALIFORNIA:

Prima di entrare in California, una delle fermate d’eccellenza sarebbe Las Vegas, anche se parleremo di questa fantastica città in un altro post… Se siete giunti fin qui siete pronti a godervi Los Angeles e in particolare Santa Monica. Finalmente! Fate una foto col cartello della fine della Route 66 e godetevi le spiagge, la gente e i tramonti di quest’ultima meravigliosa tappa.

Santa Monica

Santa Monica

Scrivi il tuo commento

0 Commentaires

Qu'en pensez-vous?