Al Maxxi per l’estate un arcipelago verde

0 commenti
Rate this post

Land art, un arcipelago verde e tanti appuntamenti estivi al Maxxi, il Museo romano del XXI secolo (www.maxxi.beniculturali.it) che presenta un progetto di Arte e Territorio in collaborazione con il Moma.

Al via già i lavori per la realizzazione del progetto WHATAMI dello studio romano stARTT, vincitore del concorso MAXXI YAP, in collaborazione con il MoMA PS1. Nei prossimi giorni la piazza del museo, progettato da Zaha Hadid, si trasformerà in un arcipelago di isole verdi che, a partire dal 21 giugno prossimo, accoglierà il pubblico e ospiterà un ricco programma di eventi estivi.

Le balle di fieno provenienti dalle campagne delle Marche e del Lazio, serviranno a costruire un arcipelago di isole mobili ricoperte con 700 metri quadri di prato lavato (normalmente usato per i campi di calcio); una grande isola centrale fissa alta circa 2 metri e sette isole minori su ruote, che il pubblico potranno essere spostare a secondo delle esigenze, creando un paesaggio sempre diverso, illuminato la notte da 18 fiori in vetroresina rossa alti 5 metri che di giorno proietteranno invece zone di ombra.

A completare il paesaggio artificiale anche uno specchio d?acqua corrente. Un progetto non solo affascinante che prevede anche un processo di riciclo. Alla fine della stagione (16 ottobre 2011) le colline già realizzate con una prevalenza di materiali di riuso (paglia, membrana geotessile, plastica), dopo lo smontaggio, saranno donate al Comune per essere riutilizzate, insieme con i fiori luminosi, dal quartiere.

Scrivi il tuo commento
Tags: ...