Non perdetevi i musei in apertura nel 2020

0 commenti
Rate this post

State già pensando alle vostre fughe 2020? Siamo certi che quest’anno vorrete visitare nuove destinazioni e scoprire tutto quello che vi possono offrire. Una delle attività più speciali per i turisti è la visita ai luoghi più interessanti delle città: ad esempio edifici, monumenti e, ovviamente, musei. Dato che parliamo di musei, vi vogliamo dare qualche ghiotta anteprima sui nuovi musei in apertura nel 2020, sperando che abbiate la fortuna e l’onore di essere tra i primi visitatori!

Gran Museo Egizio (Giza, Egitto):

Come vi avevamo già anticipato in un articolo precedente, il 2020 vedrà l’inaugurazione tanto attesa di questo museo. Dopo vari ritardi e complicazioni, sembra che i tesori dell’Egitto avranno uno spazietto tutto loro per poter essere esposti: appena 500.000 metri quadrati… scoprirete qui la raccolta più grande di manufatti e reperti dedicati a un’unica civiltà. L’obiettivo è di mostrare ed insegnare la storia dell’Egitto attraverso questi oggetti e manufatti (alcuni dei quali non sono mai stati esposti prima). C’è una grande aspettativa sui tesori delle piramidi… non potete perderveli!

Egitto.

Nuovo Museo dell’Australia Occidentale (Perth, Australia):

Il New Museum for Western Australia si prefigge come obiettivo la divulgazione della storia dei suoi abitanti e dei suoi luoghi ovvero, come definito nel progetto, è un museo basato su people first (le persone prima di tutto). Quest’area australiana si distingue per essere quasi disabitata, selvaggia ed incontaminata; tutto ciò ovviamente non fa che aumentarne l’aura di mistero. Il museo comprenderà varie aree: antropologia, archeologia, zoologia acquatica, astronomia, storia, archeologia marittima, storia marittima, conservazione dei materiali e zoologia terrestre. Su questi 6000 metri quadrati ci sarà veramente di tutto, da elementi quotidiani a reperti antichi nonché un grande spazio educativo interattivo.

Museo dell’Accademia del Cinema (Los Angeles, Stati Uniti):

Qui in verità siamo rimasti sorpresi anche noi, più che altro perché pensavamo che un museo del genere esistesse già. In questo spazio dedicato esclusivamente al cinema troveranno pane per i loro denti tutti gli innamorati della settima arte. Migliaia di fotografie, poster di film famosi, copioni cinematografici e una valanga di articoli correlati saranno in esposizione all’edificio storico (ora ristrutturato) May Company Building. Pezzi unici e da collezione come i modelli usati nei film vi faranno sentire come se foste direttamente sul set, rievocando le sensazioni provate durante la visione del film. Dalla terrazza del museo, inoltre, potrete godere del miglior panorama sulle colline di Hollywood.

Museo dell’Accademia del Cinema, Los Angeles.

Museo di Munch (Oslo, Norvegia):

Tra i mille punti di interesse, la città di Oslo inaugurerà nella primavera del 2020 questo museo dedicato all’opera di uno dei suoi artisti più famosi: Munch. In realtà l’edificio era già esistente, ma è rimasto a lungo in balia del tempo. Da qui la decisione di costruirne uno nuovo e dargli lo spazio che merita: ben 13 piani e 26.000 metri quadrati – forse non abbastanza per un artista del genere! I primi 7 piani ospitano più di 28.000 opere dell’artista, mentre i restanti 6 ospiteranno esposizioni temporanee di altri artisti rilevanti, sia norvegesi che internazionali. Con una vasta gamma di recital, concerti e altre attività culturali che affollano l’agenda, non vi annoierete di certo se vorrete passare da queste parti per una visitina.

Museo de las Colecciones Reales (Madrid, Spagna):

Dopo un’infinità di ritardi, tutto lascia presagire che il 2020 sia l’anno definitivo dell’apertura di questo museo. Sito in un’estensione di 50.000 metri quadrati all’interno del Palazzo Reale di Madrid, il museo intende ripercorrere la storia delle monarchia iberica dal Medioevo sino a Juan Carlos I. I 700 reperti visibili al pubblico includono carrozze, dipinti, sculture, arazzi, manoscritti, eccetera.

Palazzo Reale di Madrid.

Scrivi il tuo commento

0 Commentaires

Qu'en pensez-vous?